Anche Zerocalcare non parteciperà al Salone del Libro di Torino

Anche Zerocalcare non parteciperà al Salone del Libro di Torino

In questi giorni che precedono l’apertura del Salone del Libro di Torino 2019 la polemica sulla presenza dell’editore ’sovranista’ Altaforte tra gli stand del Lingotto si fa sempre più aspra.
La suddetta casa editrice, vicina a Casapound, ha pubblicato, tra altri titoli, anche il libro-intervista Io sono Matteo Salvini. Intervista allo specchio, a cura della giornalista Chiara Giannini e con prefazione di Maurizio Belpietro.

La presenza della casa editrice ha sollevato un vespaio di polemiche e soprattutto sono arrivate le prime defezioni.

Sono molte le reazioni di ospiti e partecipanti al Salone a seguito della notizia ufficiale per cui Altaforte partecipa con uno stand allo stesso. Venerdì 3 maggio lo scrittore e insegnante Christian Raimo si è dimesso dal ruolo di consulente editoriale e ora sia il collettivo di scrittori Wu Ming che lo storico e saggista Carlo Ginzburg annunciano che annullano la loro partecipazione al Salone del Libro “per una scelta politica”.
Ad annullare la partecipazione al Salone è anche Zero Calcare che pubblica un post sulla propria pagina Facebook, spiegando le ragioni che lo hanno spinto a non recarsi a Torino per l’evento.

Diversamente Michela Murgia ha fatto sapere che sarà presente e che ha spiegato:

Saremo al Salone proprio “a motivo” della presenza dei fascisti. Siamo convinti che i presidii non vadano abbandonati, né si debbano cedere gli spazi di incontro e di confronto che ancora ci restano.

Dal canto suo, il comitato d’indirizzo del Salone, presieduto da Maurizio Rebola, direttore della Fondazione Circolo dei Lettori, difende il: “diritto per chiunque non sia stato condannato per la propaganda di idee fondate sulla superiorità e l’odio razziale di acquistare uno spazio al Salone e di esporvi i propri libri”, rivendicando allo stesso tempo “l’altrettanto indiscutibile diritto di chiunque di dissentire, in modo anche vibrante, dalla linea editoriale perseguita da un editore”.

La diatriba si pone quindi su due livelli: quello della legalità, per cui costituzionalmente parlando ogni casa editrice ha diritto a partecipare e a esprimere la sua linea editoriale al Salone. Vi è poi il piano della politica e della moralità, per cui molti dei partecipanti si rifiutano di accettare che venga dedicato all’interno del Salone uno spazio a una realtà quale Altaforte.
Si critica inoltre questa scelta di partecipazione perché il programma del Salone vanta eventi chiaramente improntati all’antifascismo e all’antirazzismo e si accusa perciò una mancata presa di responsabilità in merito.

Gran parte del dibattito si è sviluppata anche attraverso i social: il direttore del Salone Nicola Lagioia è intervenuto su Facebook diverse volte anche per porre fine ufficialmente alla fake news secondo la quale Matteo Salvini avrebbe presentato il suo libro al Salone. Secondo Lagioia infatti la presentazione non è mai stata prevista nel programma e i politici sono stati invitati a presenziare al Salone “in veste istituzionale, come semplici lettori” e non per presentare libri o fare campagna elettorale.
Lagioia ha anche fatto notare che se la scelta del programma è responsabilità sua e del Comitato editoriale, non lo è quella degli stand assegnati e della parte commerciale della kermesse.

Lagioia sostiene inoltre di comprendere “che la comunità del Salone possa sentirsi offesa e ferita dalla presenza di espositori legati a gruppi o partiti politici dichiaratamente o velatamente fascisti, xenofobi, oppure presenti nel gioco democratico allo scopo di sovvertirlo” e ha invitato le associazioni di categoria che fanno parte del Comitato di indirizzo, insieme al Comune di Torino e alla Regione Piemonte, a riflettere sul caso.
Cosa ne pensate? Vi aspettiamo nei commenti.


Czytaj więcej…

Salone del Libro, si ritira anche Zerocalcare. Murgia …

Si è dimesso da consulente del Salone del Libro dopo le polemiche sul suo post in cui attaccava la presenza della casa editrice Altoforte e del libro intervista a Salvini al Lingotto. Lo scrittore Christian Raimo però al Salone ci andrà, ma da privato cittadino.

Źródło: La Repubblica

Salone del libro, ancora polemiche. Zerocalcare e Anpi disertano

Polemiche, dimissioni e defezioni alla vigilia dell'apertura del Salone del Libro di Torino (IL PROGRAMMA), che si inaugura il 9 maggio, per la presenza tra gli espositori del Lingotto della casa editrice neofascista Altaforte, ritenuta vicina a CasaPound.

Źródło: Sky Tg24

Salone del Libro, anche Zerocalcare non parteciperà

Anche ZeroCalcare non sarà presente al Salone Internazionale del Libro di Torino. Il noto fumettista ha spiegato le sue ragioni dicendo di non voler stare a pochi metri dai fascisti. La sua scelta arriva a poche ore dalle rinunce di altri ospiti della kermesse …

Źródło: Fanpage

Anche Zerocalcare non parteciperà al Salone del Libro di Torino

Il fumettista e disegnatore Zerocalcare ha detto che ha annullato i suoi impegni previsti al Salone del libro di Torino. Anche lui, come già il collettivo Wu Ming e lo storico Carlo Ginzburg, ha deciso di non partecipare per protesta contro la decisione degli …

Źródło: Il Post

Perché “boicottare” il Salone del libro è una scelta legittima

Durante il weekend appena trascorso, il mondo dell'editoria e quello della politica hanno parlato incessantemente della partecipazione di Altaforte, l'editore del gruppo neofascista CasaPound, all'edizione del Salone internazionale del libro, in scena dal 9 al …

Źródło: Wired.it

Salone, no di Ginzburg e Wu Ming E altri autori protestano per …

«Annullerò la mia partecipazione al Salone del Libro di Torino». A pochi giorni dall'inizio della manifestazione, al via giovedì, arriva il colpo di un nome di peso come Carlo Ginzburg. Lo storico e saggista — figlio del letterato e antifascista Leone, che morì in …

Źródło: Corriere della Sera

ZeroCalcare diserta Salone del Libro di Torino. Polemiche contro …

Non faccio jihad – continua Zerocalcare – non traccio linee di buoni o cattivi tra chi va e chi non va, sono questioni complesse che non si esauriscono in una scelta sotto i riflettori del Salone del Libro e su cui spero continueremo a misurarci perché la partita …

Źródło: Rai News

Salone del Libro e neofascismo, cosa succede? La polemica in 10 …

Al Salone del Libro uno stand per la casa editrice Altaforte, vicina a CasaPound: la polemica tra i pro e i contro è divampata in brevissimo tempo. « Il Salone è luogo istituzionalmente aperto al dibattito e al confronto. Ed è indiscutibile il diritto per chiunque non …

Źródło: Corriere della Sera

Torino, salone del libro: il no di Wu Ming, il sì di Michela Murgia per …

Basta leggere i titoli e le prime righe degli interventi per capire la scelta di due dei nomi più noti della letteratura contemporanea italiana sulla partecipazione al Salone Internazionale del libro di Torino. «Gomito a gomito coi neofascisti? Mai» scrive il collettivo …

Źródło: Vanity Fair.it

Salone del Libro: dimissioni e defezioni. Altaforte porta polemiche

Venerdì 3 maggio lo scrittore e insegnante Christian Raimo si è dimesso dal ruolo di consulente editoriale e ora sia il collettivo di scrittori Wu Ming che lo storico e saggista Carlo Ginzburg annunciano che annullano la loro partecipazione al Salone del Libro …

Źródło: Sololibri.net

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *