Castelvetrano, scoperta loggia segreta: 27 arresti, anche politici

Castelvetrano, scoperta loggia segreta: 27 arresti, anche politici

Tutto nasce dalle dichiarazioni di un pentito: "Indagate su quella loggia segreta di Castelvetrano, scoprirete molte cose". Poi l'inchiesta. I riflettori della commissione Antimafia. E il "no" di Stefano Bisi, il Gran Maestro del Grande Oriente d'Italia (la più nutrita loggia massonica italiana), che in un incontro di un'ora e 40 minuti, si rifiutò di consegnare l'elenco degli iscritti a Rosy Bindi, il presidente.

"Vogliono una schedatura di massa. Ma la legge va rispettata". All'epoca – era l'aprile del 2016 – la notizia di una loggia segreta nella città di Matteo Messina Denaro con diversi politici coinvolti, sollevò un polverone. E oggi torna prepotentemente di moda, con i 27 arresti messi a segno dai carabinieri. Ai domiciliari anche l'ex deputato di Forza Italia, Francesco Cascio, palermitano. Coinvolto pure l'ex rettore Roberto Lagalla. "Ci sono delle leggi approvate dal Parlamento italiano che tutelano il diritto alla riservatezza sui dati sensibili", con questa motivazione Bisi si rifiutò di dare i nomi degli appartenenti. Niente schedatura di massa.

Oggi dalla Procura le bocche restano cucite. Tra chi, già tre anni fa, volle vederci chiaro c'era Giorgio Ciaccio, palermitano, all'epoca deputato del Movimento 5 Stelle. "Al centro di tutto – commenta oggi Ciaccio a PalermoToday – c'erano le dichiarazioni dell'architetto Giuseppe Tuzzolino, definito “cerniera tra mafia, politica e massoneria”, arrestato nel 2013 e in seguito divenuto collaboratore delle Procure siciliane. L'architetto sottoposto al programma di protezione svelò l'esistenza di una loggia massonica segreta a Castelvetrano che incassa una tangente del 5 per cento per ogni appalto del fotovoltaico, chiamata "il Tronco della vedova".

"Dopo le parole del pentito – spiega Ciaccio – volevamo capire e approfondire i legami tra mafia e massoneria. Questa, tra l'altro, è stata una battaglia che ho sempre portato avanti. Sembra che non se ne voglia mai parlare e solitamente si tende a generalizzare. A Castelvetrano c'è un meet up attivo nel territorio. Sull'esistenza di una loggia massonica il chiacchiericcio in paese era molto forte anche gli attivisti conoscevano com'era la situazione. Musumeci così volle fare un'audizione a Castelvetrano e convocò l'Antimafia".

In carcere oggi è finito anche l'ex deputato regionale di Forza Italia Giovanni Lo Sciuto, ritenuto a capo della loggia segreta. "La cosa assurda è che Lo Sciuto fece parte della commissione antimafia", rincara la dose Ciaccio. E dire che il suo nome è citato nei rapporti della Dia come socio fondatore di una Srl insieme a sorella e cognato di Messina Denaro. "Una situazione molto ingarbugliata, ho visto delle persone che nelle sedute della commissione Antimafia decidevano di stare in silenzio. Altre invece non si presentavano neanche", chiude Ciaccio.

Nella seduta di mercoledì 3 agosto 2016 in commissione Antimafia, Stefano Bisi, il Gran Maestro del Grande Oriente d'Italia, fu chiaro: "I nomi non li possiamo fornire perché qualcuno potrebbe prendere la mira. Il presidente Rosy Bindi, sottolineò: "Come spieghiamo che Castelvetrano è la patria di Matteo Messina Denaro e ha la più grande concentrazione di logge massoniche in rapporto alla popolazione di qualunque parte del nostro Paese e tra queste c'è anche una loggia del Grande Oriente. In quel comune si sono verificati dei fatti abbastanza incresciosi. Un consigliere comunale ha sostanzialmente dichiarato che avrebbe dato la propria vita perché non fosse catturato Matteo Messina Denaro". A quel punto il Gran Maestro rispose: "I fratelli che fanno parte di quella loggia non coprono certo la latitanza di questo superricercato e darebbero la vita perché venisse catturato".

Ma i numeri della massoneria a Castelvetrano parlano chiaro: sei logge attive. Tra gli iscritti banchieri, funzionari pubblici, imprenditori, politici locali. Al punto che a detta degli inquirenti è lecito chiedersi fino a che punto nel regno de boss Messina Denaro l'attività di enti pubblici non venga subdolamente pilotata dall’influenza di poteri occulti.


Czytaj więcej…

Castelvetrano, scoperta loggia segreta: 27 arresti, anche politici

Trapani, 21 marzo 2019 – Blitz dei carabinieri contro una loggia massonica segreta a Castelvetrano che grazie a un vasto sistema corruttivo condizionava la politica. Nel paese natale del boss latitante Matteo Messina Denaro, i militari, coordinati dalla Procura …

Źródło: Quotidiano.net

Massoneria a Castelvetrano, 27 arresti

(ANSA) – TRAPANI, 21 MAR – Operazione contro una loggia massonica segreta a Castelvetrano, il paese natale del boss latitante Matteo Messina Denaro. Ventisette gli arresti da parte dei carabinieri che hanno notificato altri 10 avvisi di garanzia. Arrestati …

Źródło: Agenzia ANSA

Scoperta loggia supersegreta, ecco i nomi di tutti gli arrestati

Terremoto nell'Isola. Nell'operazione "Artemisia" dei carabinieri sono state arrestate 27 persone tra cui alcuni esponenti politici, come l'ex presidente dell'Assemblea regionale siciliana, Francesco Cascio (Vai all'articolo). Avrebbero tutti fatto parte, secondo …

Źródło: PalermoToday

Castelvetrano, scoperta una superloggia segreta. Ai domiciliari l'ex …

Castelvetrano, la città dei misteri. Non solo attorno al superlatitante Matteo Messina Denaro. Ora, salta fuori pure una superloggia segreta formata da massoni, politici e professionisti che riusciva ad orientare le scelte del Comune, ma anche nomine e …

Źródło: La Repubblica

Quando il pentito disse: "Indagate su quella loggia segreta di …

Tutto nasce dalle dichiarazioni di un pentito: "Indagate su quella loggia segreta di Castelvetrano, scoprirete molte cose". Poi l'inchiesta. I riflettori della commissione Antimafia. E il "no" di Stefano Bisi, il Gran Maestro del Grande Oriente d'Italia (la più nutrita …

Źródło: PalermoToday

Castelvetrano, «Pensioni di invalidità in cambio di voti ai politici …

L'ex deputato di Forza Italia ed ex presidente dell'Assemblea regionale siciliana Francesco Cascio, 55 anni, è stato arrestato dai carabinieri insieme da altre 26 persone con l'accusa di fare parte di una loggia massonica segreta che a Castelvetrano, il paese …

Źródło: Corriere della Sera

Scoperta una loggia massonica segreta a Castelvetrano, 27 arresti

Manette contro una loggia massonica segreta a Castelvetrano, il paese natale del boss latitante Matteo Messina Denaro. Coordinati dalla Procura, i carabinieri hanno eseguito 27 arresti per reati contro la Pa, l'amministrazione della giustizia nonché per …

Źródło: Il Sole 24 ORE

A Castelvetrano la superloggia segreta. Arrestato anche l'ex …

Retata eccellente dei carabinieri a Castelvetrano, in Sicilia. Da questa mattina la Procura ha ordinato 27 arresti per reati contro la Pubblica Amministrazione, contro l'amministrazione della Giustizia nonché associazione a delinquere segreta. Altre dieci …

Źródło: Il Secolo d’Italia

Massoneria a casa di Messina Denaro: arrestato Cascio, ex …

TRAPANI – Operazione contro una loggia massonica segreta a Castelvetrano, il paese natale del boss latitante Matteo Messina Denaro. I carabinieri hanno arrestato 27 persone per reati contro la pubblica amministrazione e contro l'amministrazione della …

Źródło: lasiciliaweb | Notizie di Sicilia

Loggia massonica segreta a Castelvetrano, l'intercettazione che …

L'accusa nei confronti di Francesco Cascio, ex presidente dell'Ars, arrestato nell'operazione Artemisia, è di favoreggiamento personale: avrebbe informato Giovanni Lo Sciuto, ex deputato dell'Ars sotto indagine, che in quel momento veniva intercettato dai …

Źródło: Giornale di Sicilia

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *