Csc: crescita zero, occupazione ferma e consumi lenti in Italia

Csc: crescita zero, occupazione ferma e consumi lenti in Italia

Confindustria: “LʼItalia è ferma, crescita zero nel 2019”

Esiguo miglioramento nel 2020, con un Pil in aumento dello 0,4%. Salvini: “I gufi saranno smentiti dai fatti”

Crescita zero, quest’anno, per l’economia italiana per cui è prevista sostanzialmente la stagnazione. A lanciare l’allarme è il Centro Studi di Confindustria che ha rivisto nettamente al ribasso le previsioni formulate ad ottobre quando, per il Pil del 2019, stimava una crescita dello 0,9%. Nel 2020 la situazione mostrerà, tuttavia, un “esiguo miglioramento” con un Pil in aumento dello 0,4%.

Nel 2019 “per ora non si vede un’inversione di tendenza nei contratti”, i lavoratori dipendenti “sono tendenzialmente fermi, c’è un calo del lavoro a termine ma non è ancora compensato dai contratti a tempo determinato“. Il Centro studi ha inoltre definito il 2018 un anno “a due velocità”, visto che nei primi 6 mesi l’occupazione è cresciuta di 198mila unità, mentre nel secondo semestre è calata di 84mila. Nel 2019 l’occupazione resterà “sostanzialmente stabile (+0,1%)” e aumenterà dello 0,4% nel 2020.

Dal Reddito di cittadinanza e da quota 100, i due pilastri della legge di Bilancio, arriverà solo un “esiguo” contributo alla crescita economica, una spinta “modesta”. Tali misure, “soprattutto il reddito di cittadinanza, daranno un contributo, seppure esiguo, alla crescita economica, concentrato nel primo anno di implementazione”.

Le due misure, già annunciate nella primavera 2018 con il Contratto di governo, “a causa dell’ampio impatto atteso sui conti pubblici hanno contribuito al determinarsi di due fattori sfavorevoli: rialzo dei rendimenti sovrani e cambio di tendenza della fiducia delle imprese”.

I conti pubblici sono quindi al bivio. Quest’anno il deficit aumenta di mezzo punto di Pil. Per il 2020 il governo “ha sostanzialmente ipotecato i conti pubblici con l’ultima legge di Bilancio e non ci sono opzioni facili e indolori: la scelta sarà tra aumentare l’Iva o far salire il deficit pubblico” facendolo schizzare al 3,5%. La scrittura della prossima Manovra “sarà un arduo esercizio”.

Il Centro Studi di Confindustria stima un indebitamento netto al 2,6% del Pil nel 2019 (dal 2,1 nel 2018) e nel 2020, sotto l’ipotesi di una completa applicazione delle clausole di salvaguardia. Il saldo primario scende all’1,2% del Pil quest’anno (dall’1,6 nel 2018) e il prossimo.

L’alternativa, di non aumentare l’Iva, avrebbe meno effetti recessivi diretti, ma non è percorribile: porterebbe il rapporto tra deficit pubblico e Pil “pericolosamente oltre il 3% e nelle attuali condizioni di credibilità e fiducia non sarebbe sostenibile”, ha avvertito il Csc. Infatti, un totale annullamento delle clausole a deficit, arrivate a valere 1,3 punti di Pil, “farebbe schizzare l’indebitamento al 3,5% e potrebbe causare un ulteriore aumento dei tassi di rendimento sui titoli di Stato che, oltre a retro-agire sul deficit, avrebbe effetti recessivi addizionali”.

Peraltro, “se il quadro di finanza pubblica fosse quello delineato dal governo, anche con l’attivazione delle clausole il rispetto degli impegni con i partner europei richiederebbe una ulteriore correzione nel 2020, ampliando la portata recessiva della prossima Manovra”.

Infatti, le stime sulla crescita nominale il prossimo anno sono ben più basse di quelle del governo (2,2% rispetto a 2,9). Il rapporto debito pubblico/PIL salirà al 133,4% nel 2019 (dal 132,1 nel 2018) e al 133,6% nel 2020. Il debito sale anche al netto dei sostegni agli altri Paesi europei (pari a 3,3 punti di Pil quest’anno): 130,2% del Pil nel 2019 (dal 128,8%) e 130,4% nel 2020. La stima Csc include 1 punto di Pil da dismissioni nel 2019 e 0,3 nel 2020, come indicato dal governo.

Bankitalia: “Peggioramento anche a inizio 2019” – L’andamento dell’economia italiana è peggiorato nell’ultima parte del 2018 e anche nei primi mesi del 2019, ha rilevato il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco. Nel nostro Paese si è registrato “un significativo peggioramento delle condizioni di finanziamento del debito pubblico”, ricorda il governatore, secondo cui “l’aumentata incertezza di natura geopolitica si sta ripercuotendo sugli scambi internazionali e sulla propensione agli investimenti”.

Per evitare l’aumento dell’Iva nel 2020 e fare la correzione del bilancio servono 32 miliardi di euro. “Se si volessero annullare gli aumenti Iva e fare la correzione richiesta del bilancio strutturale, servirebbero 32 miliardi di euro. Senza risorse per la crescita”, è quindi la sintesi del Csc. Nel 2020 “la preoccupazione maggiore – hanno avvertito gli economisti di Confindustria – è la finanza pubblica”.

A legislazione vigente, il primo gennaio 2020, ci sarà l’aumento di circa 3 punti delle aliquote Iva ordinaria e ridotta. L’attività economica sarà penalizzata, con un effetto negativo sulla crescita di 0,3 punti percentuali, anche se il deficit/Pil migliorerà di 0,9 punti per rimanere al 2,6%. “Questo non basterà per realizzare la correzione strutturale del bilancio richiesta dalle regole europee e – ha concluso il Csc – servirebbe comunque una Manovra correttiva”.

Salvini: “I gufi saranno smentiti dai fatti” – Le previsioni di Confindustria? “Verranno smentite clamorosamente dai fatti. È pieno di gufi. Ci hanno sempre ‘cannato’ in passato”. Lo ha affermato il vicepremier Matteo Salvini parlando ai microfoni di Radio Capital.

Di Maio: “Le preoccupazioni di Confindustria sono anche le nostre” – “Le preoccupazioni di Confindustria sono le stesse del governo, non c’è alcuna volontà di contrapposizione”. Lo ha detto il vicepremier Luigi Di Maio, secondo quanto riportano fonti del ministero,ha rassicurato gli investitori americani incontrati a New York. Di Maio ha parlato quindi di “consapevolezza di un rallentamento generalizzato e importante sia all’interno della Ue sia come effetto della guerra dei dazi”.


Czytaj więcej…

Nazionale, Mancini: ''Giocare bene e vincere, l'Italia ci vuole così''

Intanto l'Italia deve qualificarsi e il fatto di essere già in testa al girone J, grazie anche al pareggio tra Bosnia e Grecia, la mette in una situazione vantaggiosa nell'approccio alle due partite del giugno prossimo, ad Atene con la Grecia e a Torino con la Bosnia: …

Źródło: La Repubblica

Recessione, Confindustria lancia l'allarme: 'Italia ferma, azzerata la …

Il Centro studi di Confindustria vede una "Italia ferma" e azzera le previsioni per il Pil 2019 (già ribassate a ottobre al +0,9%). Pesano anche "una manovra di bilancio poco orientata alla crescita", "l'aumento del premio di rischio che gli investitori chiedono" sui …

Źródło: Agenzia ANSA

Confindustria: "LʼItalia è ferma, crescita zero nel 2019"

Bankitalia: "Peggioramento anche a inizio 2019" – L'andamento dell'economia italiana è peggiorato nell'ultima parte del 2018 e anche nei primi mesi del 2019, ha rilevato il governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco. Nel nostro Paese si è registrato "un …

Źródło: TGCOM

Migranti dirottano mercantile che li sta riportando in Libia, Salvini: "In …

ha proseguito il vicepremier in una diretta Facebook, durante la quale ha mostrato agli utenti una cartina del mar Mediterraneo con Malta, Lampedusa e Tripoli, e ha scritto a penna: "In Italia no" aggiungendo a voce: "Claro?". "Questo dimostra – ha sottolineato …

Źródło: AGI – Agenzia Giornalistica Italia

Csc: crescita zero, occupazione ferma e consumi lenti in Italia

Crescita zero quest'anno e un leggero rialzo, appena lo 0,4%, per il Pil italiano nel 2020. Sono le previsioni del Centro studi di Confindustria, tagliate di 0,9 punti rispetto alle ultime sull'anno in corso. Consumi e occupazione fermi. E il reddito di cittadinanza …

Źródło: Il Sole 24 ORE

Ocse: Italia in rapido invecchiamento, record di giovani inattivi

L'Italia ha la quota più bassa (15%) di giovani tra 15 e 29 anni, contro la media Ocse del 19% e contro il 23% del 1960. L'età media del matrimonio è salita per le donne a 31,9 anni nel 2016 dai 25,9 anni del 1990 e per gli uomini da 28,9 anni a 34,7, sopra le …

Źródło: Il Sole 24 ORE

La giovane Italia e la nuova primavera delle Nazionali giovanili …

Ieri a Manavgat all'Italia era sufficiente un pareggio per avere l'aritmetica certezza della qualificazione alla fase finale del torneo continentale, in programma in Irlanda dal 3 al 19 maggio. Ma la squadra guidata da Carmine Nunziata ha deciso di non …

Źródło: Corriere della Sera

Rapimento Silvia Romano, tensione tra Italia e Kenya | Carabinieri …

Sul fronte dell'inchiesta, c'è da registrare, però, ancora una volta, un silenzio delle autorità locali alla richiesta dell'Italia di inviare nostri investigatori nel Paese africano e poter collaborare attivamente all'inchiesta. Almeno otto istanze, infatti, sono state …

Źródło: TGCOM

Migranti dirottano mercantile. Salvini: "In Italia non entrano"

i grandi porti sarebbero chiusi in italia ma le spiagge gli approdi turistici e porti peschereccio sono aperti e si sbarca alla grande! e non si fermano gli sbarchi di migranti in arrivo su carrette del mare a Lampedusa. Nel giro di poche ore ce ne sono stati due.

Źródło: il Giornale

Salvini: «Un mercantile dirottato da migranti sta facendo rotta verso l …

… il mercantile che era arrivato a 6 miglia dalla costa libica. Sappiano che l'Italia la vedranno col cannocchiale». E' l'allarme lancitato dal ministro dell'interno Matteo Salvini che sta seguendo l'evolversi della situazione in collegamento con la guardia costiera.

Źródło: La Sicilia

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *