È morta Doris Day, la 'fidanzata d'America'

È morta Doris Day, la 'fidanzata d'America'

Per la cronaca era il suo il viso ideale, perfetto e naturalmente rassicurante. Era lei 'la fidanzata d'America', ambita da tutti, elegante e naturalmente simpatica. Ora quella stessa America che l'ha incoronata come la sua donna-simbolo deve dirle addio. Così è morta Doris Day, 97 anni compiuti lo scorso 3 aprile, con un annuncio della sua fondazione.

Con all'attivo 39 film e oltre 75 ore di programmi televisivi, in aggiunta alla registrazione di più di 650 canzoni, la carriera di Doris Mary Anne Kappelhoff, nata a Evanston, un sobborgo di Cincinnati, in Ohio, figlia di Alma Sophia Welz, casalinga, e William Wilhelm Kappelhoff, insegnante di musica e maestro del coro, figli di immigrati tedeschi, profughi dalla Germania del primo dopoguerra, era considerata una delle ultime grandi star di Hollywood, nome imprescindibile tra gli anni Cinquanta e Sessanta. I genitori, grandi amanti del cinema, le scelsero il nome – Doris – come omaggio all’attrice Doris Kenyon, star dei film muti.

C'è un film che l'ha consegnata alla storia, L’uomo che sapeva troppo di Alfred Hitchcock, del 1956, dove Day divide il set con 'il marito' James Stewart per il film di spionaggio – remake a colori dell'omonimo film del 1934 diretto dallo stesso Hitchcock – che incollò il mondo allo schermo. E, poi, la commedia romantica Il tunnel dell’amore, diretto da Gene Kelly nel 1958 seguito, qualche anno dopo, da Il visone sulla pelle di Delbert Mann (1962), con Cary Grant. Il personaggio, invece, che rimase nella storia, fu quello di Calamity Jane, l'avventuriera del Vecchio West realmente esistita che Day interpretò in Non sparare, baciami!, lungometraggio di David Butler del 1953.

Cinema, è morta Doris Day: quando cantava ‘Que sera, sera’

in riproduzione….


Già negli anni Quaranta, però, Day era già famosa: come cantante, carriera a cui mirò seguendo la sua passione adolescenziale per la danza classica e, poi, per il tip tap, carriera che fu suo malgrado costretta ad abbandonare dopo un incidente d'auto. Non visse una adolescenza semplice: oltre a vedere spezzato il suo sogno di ballerina, dovette anche affrontare la morte del fratello maggiore e, inseguito, la separazione dei genitori.

Sul grande schermo debuttò nel 1947: messa sotto contratto dalla Warner Bros., il suo primo film fu, l'anno successivo, la commedia musicale diretta da Michael Curtiz e Busby Berkeley, Amore sotto coperta. Il suo partner cinematografico, che ricorderà sempre affettuosamente anche dopo la morte, fu Rock Hudson, con il quale formò una delle coppie d'oro di Hollywood. L'Oscar le arrivò come miglior attrice protagonista proprio per un film con il suo sodale Hudson, Il letto racconta di Michael Gordon (1959) mentre in ambito musicale ha ottenuto il Grammy alla carriera nel 2011, in occasione della pubblicazione del 20esimo album in studio, My Heart.

La metà degli anni Sessanta coincide con un progressivo allontanamento dal cinema per dedicarsi alla tv, in particolare alla fortunata The Doris Day Show, serie tv (o meglio, sit com) ante litteram in 128 episodi trasmessi dal 1968 al 1973. Sposata per ben quattro volte, repubblicana e vegetariana convinta, in anni recenti Day si era ritirata in un ranch nella paradisiaca cittadina di Carmel-by-the-Sea, vicino a Monterey, in California, circondata dalla natura, dalla storia e affacciata sul mare. Lì viveva in compagnia di numerosi animali da compagnia, adottandone e accudendone numerosi randagi. A 97, la vecchiaia non la spaventava. L'unica sua paura, ben oltre la mezza età, era una soltanto: "Sapere che è da lì che ci si inizia a sviluppare".

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


Czytaj więcej…

È morta Doris Day, star di Hollywood: era considerata la 'fidanzata d …

Era lei 'la fidanzata d'America', ambita da tutti, elegante e naturalmente simpatica. Ora quella stessa America che l'ha incoronata come la sua donna-simbolo deve dirle addio. Così è morta Doris Day, 97 anni compiuti lo scorso 3 aprile, con un annuncio della …

Źródło: La Repubblica

È morta Doris Day

È morta a 97 anni l'attrice e cantante statunitense Doris Day, nome d'arte di Doris Mary Anne Kappelhoff. Day, nata a Cincinnati nel 1922, era diventata famosa come cantante negli anni Quaranta e poi, nel Secondo dopoguerra, anche come attrice, sia …

Źródło: Il Post

È morta Doris Day, la «fidanzata» d' America che stregò Hitchcock

Doris Day, icona Usa del XX secolo , è scomparsa a 97 anni, per una polmonite. Fu la biondina americana a frangetta petulante, piena di bambini scatenati che le danno la manina ed eternamente col sacchetto della spesa in braccio, che passò 40 anni di …

Źródło: Corriere della Sera

Addio a Doris Day, la "fidanzata d'America"

Doris Mary Anne Kappelhoff, l'inimitabile Doris Day di ''Que sera sera'', era figlia di un musicista e di un'appassionata d'arte, entrambi profughi dalla Germania del primo dopoguerra. Arriva al successo dopo un'infanzia travagliata: prima la morte del fratello …

Źródło: Rai News

È morta Doris Day, una delle più grandi icone di Hollywood

È morta all'età di 97 anni Doris Day, attrice, cantante e una delle più grandi icone dell'epoca d'oro di Hollywood. Dopo un fruttuoso esordio come artista musicale negli anni Quaranta (ma continuò a incidere album fino al 1965), gli anni Cinquanta la videro …

Źródło: Wired.it

È morta Doris Day, la 'fidanzata d'America'

E' morta Doris Day, la popolare attrice e cantante americana, salita alle cronache come la 'fidanzata d'America'. Aveva 97 anni da poco compiuti. Lo annuncia la sua fondazione, secondo quanto riportato dai media americani. La SCHEDA ARCHIVIO ANSA di …

Źródło: Agenzia ANSA

Addio a Doris Day: era la fidanzata d'Am…

Con all'attivo 39 film e oltre 75 ore di programmi televisivi, in aggiunta alla registrazione di più di 650 canzoni, la carriera di Doris Day è stata impreziosita anche da una nomina al premio Oscar, e dalla vittoria di un Golden Globe e di un Grammy Award.

Źródło: La Sicilia

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *