Il giorno di Federer: “Sono pronto, ma i miracoli sulla terra sono rari”

Il giorno di Federer: “Sono pronto, ma i miracoli sulla terra sono rari”

Back to the roots. Ritorno alle origini. Nella preparazione dell’ attesissimo ritorno sulla terra (battuta) Roger Federer ripete sempre che quella è la superficie sulla quale ha iniziato a giocare a tennis, a Basilea: «Il mio primo Challenger è stato sulla terra, il mio primo satellite è stato sulla terra, la mia prima vittoria è arrivata sulla terra» ha detto al New York Times. Tre anni Vero. Però a Parigi ha vinto una volta e a Wimbledon 8, tanto per fare un paragone facile, ed era da un bel po’ che Roger non si sporcava di polvere rossa. Roma, 12 maggio 2016: sconfitta agli ottavi con Thiem. L’ultimo match giocato sulla superficie sulla quale sarà pure cresciuto, ma che gli è sempre risultata meno amica.

I VIDEO DI GAZZETTA TV

tre anni


«Nel 2016 avevo provato a giocare a Madrid, ma mi ero fatto male, sono andato a Roma e mi sentivo malissimo, ho capito che a Parigi non avrei avuto alcuna chance. E in un attimo ecco che per me sono passati 3 anni lontano dalla terra». Nel 2017, dopo l’operazione al ginocchio, la terra è stata esclusa a priori, lo scorso anno è stata sostituita dalla spiaggia di Ibiza: mentre i suoi rivali scivolavano sui campi rossi lui si arrostiva su un lettino alle Baleari festeggiando i 40 anni della moglie. Stasera Roger, in viaggio verso i 38 anni, servirà di nuovo sulla terra battuta. Lo farà in una Madrid adorante, estasiata, calorosa. Alla Caja Magica, dove in novembre si giocherà la Coppa Davis di Gerard Piqué che Roger ha sempre osteggiato (e per la quale non si è qualificato con la sua Svizzera), non vedono l’ora di vederlo in azione. Si, questa è casa Nadal, però gli spagnoli hanno sempre mostrato un incrollabile rispetto per l’elegante maestro svizzero, unico rivale al quale è concesso di battere il rude enfant du pays, Rafa. L’ha fatto anche qui a Madrid, nel 2009, e la cosa se possibile gli ha portato ancora maggior rispetto. Allenamenti assiepati Roger è arrivato a Madrid venerdì, si è sistemato nell’hotel Villa Magna (uno dei preferiti del Milan ai tempi di Galliani) sul Paseo de la Castellana e alle 15 è entrato sul centrale intitolato a Manolo Santana per allenarsi con Robin Haase sotto gli occhi attenti di Severin Luthi e Ivan Ljubicic, i suoi coach piazzati quasi dentro il campo, pronti a scansarsi se Roger si lanciava in una scivolata laterale che fa tanto terra battuta: «Sì che so ancora scivolare» aveva detto al NYT.

allenamenti assiepati


In tribuna non c’era tanta gente, era giorno di qualificazioni, ma chiunque fosse alla Caja Magica si è avvicinato al centrale per vederlo prendere confidenza con la superficie madrilena. Qualche «ooooh» di ammirazione per i colpi più belli, applausi convinti, ammirazione. Lui ha ringraziato, e mostrato una buona forma. Sabato è tornato ad allenarsi con Medvedev. Stavolta sul campo numero 13 con pochi fortunati assiepati sull’esile tribunetta e la maggioranza disposta a provare a dare un’occhiata dalla quarta, quinta fila di persone in piedi. Stessa scena la domenica, quando Roger ha palleggiato con Nishikori. Lui gentilissimo, sempre disponibile a sessioni di firma con i ragazzini che gli allungavano palline da tennis di varie dimensioni, cappellini, magliette, programmi. Una firma dopo l’altra, foto, sorrisi. Vista sulla città Madrid è ai piedi di Roger, e il sovrano generosamente non si tira indietro.

Federer sulla terra

in famiglia


Sabato in tarda mattinata è stato portato a Plaza de Cibeles, dove si trova la fontana teatro dei festeggiamenti del Madrid tanto caro a Nadal, e dove risiede l’ayuntamiento della capitale spagnola. Il municipio. L’ex giudice e sindaca Manuela Carmena, che il 26 maggio corre per la rielezione sempre col suo partito di sinistra legato al gruppo di Unidas Podemos, l’ha guidato in giro per il Palacio de Cibeles. Una strana coppia seduta a chiacchierare fitto in francese. Roger ha apprezzato molto il Palacio de Cristal e quando è arrivato su alla magnifica terrazza si è fatto un sacco di foto: da lì la sindaca ha descritto felice la sua città a Roger che ascoltava e faceva domande puntando il dito verso monumenti o punti emblematici della capitale. Sopra di loro il caratteristico cielo super blu di Madrid. Festa in famiglia Domenica c’è stato l’incontro con la stampa nel quale Roger ha rivelato che in serata sarebbe sbarcata in città la famiglia: ieri era il quinto compleanno della seconda coppia di gemelli avuti da Roger con Mirka, Leo e Lenny: «Metteremo un po’ di palloncini e faremo qualcosa di carino, volevamo stare tutti insieme» ha detto Federer prima di andarsi ad allenare. Madrid gongola. Gli organizzatori del torneo, che hanno visto impennarsi le vendite dei biglietti, pure. E la città lo tratta come un figlio adottivo, o addirittura prodigo visto che mancava dal 2015.


Czytaj więcej…

Tennis, Federer un marziano torna sulla terra

Back to the roots. Ritorno alle origini. Nella preparazione dell' attesissimo ritorno sulla terra (battuta) Roger Federer ripete sempre che quella è la superficie sulla quale ha iniziato a giocare a tennis, a Basilea: «Il mio primo Challenger è stato sulla terra, il mio …

Źródło: La Gazzetta dello Sport

Il giorno di Federer: “Sono pronto, ma i miracoli sulla terra sono rari”

… sconfitto 17 volte nei 19 precedenti confronti diretti (3-2 per Roger il bilancio su terra rossa). Sfogliando i giornali locali, abbiamo trovato su Marca, il maggior quotidiano sportivo spagnolo, una bella e interessante intervista in esclusiva fatta a Roger Federer, …

Źródło: Ubi Tennis

Roger Federer svela chi lo fa arrabbiare di più fuori dal tennis

Roger Federer è sempre pacato e calmo, ma cosa lo fa arrabbiare di più "dietro le quinte"? Lo svizzero è padre di due gemelle, anni 9, e di due gemelli, anni 5. Sono proprio loro che suscitano maggiore frustrazione, a volte, al nativo di Basilea. "Mi mettono …

Źródło: Tennis World Italia

Federer-Gasquet 6-2 6-3 (Video Highlights Atp Madrid 2019): rientro …

Rientro “brillante” sulla terra rossa per Roger Federer nel Masters 1000 di Madrid. L'elvetico, testa di serie n°4, ha sconfitto per la diciottesima volta in carriera il francese Richard Gasquet, con il punteggio di 6-2 6-3 in appena cinquantadue minuti di gioco, …

Źródło: SuperNews

Roger Federer parla della questione torneo di Roma: “Nei Master …

Roger Federer parla della questione torneo di Roma: “Nei Master 1000 sei iscritto all'entry list per regolamento. Rimango iscritto a Roma perché non so cosa succederà a Madrid e quindi è una opzione”. “Nei Master 1000 sei iscritto all'entry list per …

Źródło: LiveTennis.it

Tennis, Masters 1000 Madrid 2019: Roger Federer domina contro …

54 minuti di gioco, 6-2 6-3: è questo il riscontro del primo match dopo tre anni di “astinenza” sulla terra rossa di Roger Federer. Il campione svizzero (n.3 del mondo) ha regolato in meno di un'ora il francese Richard Gasquet (n.39 del ranking) con estrema …

Źródło: OA Sport

Federer dopo 3 anni torna sulla terra e sfida Gasquet a Madrid

Toh, chi si vede, sulla terra: Roger Federer. L'ultima partita sul rosso il numero 1 del mondo l'ha giocata il 12 maggio 2016 a Roma, sconfitto in ottavi da Dominic Thiem. Poi, complice un infortunio quall'anno prma d Parigi, più niente, via dalla pazza (e …

Źródło: La Stampa

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *