Legittima difesa, cosa cambia: esclusa responsabilità per danni all …

Legittima difesa, cosa cambia: esclusa responsabilità per danni all ...

La legittima difesa, già disciplinata dall’articolo 52 del Codice penale, prevede che non sia punibile chi ha commesso un fatto che sarebbe reato, per esservi stato costretto dalla necessità di difendere un diritto proprio o di altri, contro il pericolo attuale di una offesa ingiusta, sempre che la difesa sia proporzionata all’offesa. Nei casi di violazione di domicilio, si considera proporzionata la reazione armata per difendere l’incolumità propria o di altri.

Il Senato ha approvato in via definitiva la riforma dell’istituto. La disposizione più rilevante stabilisce che la difesa sia sempre ammessa nel proprio domicilio, per respingere un’intrusione posta in essere con violenza o minaccia armata. In sostanza, si dispone una tutela ancora più rinforzata per i luoghi di vita, creando una presunzione di legittima difesa che elimina i presupposti della legge vigente: cioè essere stati “costretti” dalla “necessità” di reagire contro un “pericolo attuale”, sempre che “la difesa sia proporzionata all’offesa”.

L’obiettivo politico è quello di ampliare l’ambito della legittima difesa in casa e sul lavoro, evitando che la valutazione dal giudice possa escludere una legittima difesa in relazione a qualcuno dei parametri di legge.

Si tratta di un cambiamento della logica sottesa all’istituto. L’attuale formulazione consente di reagire solo a fronte di un pericolo imminente ed entro limiti proporzionati all’offesa recata dall’aggressore; e quindi si fonda su un bilanciamento tra gli interessi dell’aggressore e dell’aggredito, da valutare durante l’aggressione da parte della vittima e a posteriori ad opera del giudice.

Il nuovo testo sposta l’equilibrio a favore dell’aggredito, prevedendo per legge che questi possa reagire “sempre” per respingere un’intrusione violenta, senza dover soppesare la proporzionalità della reazione e la sussistenza di un pericolo attuale all’incolumità, a tutela del semplice rischio all’incolumità.
Si sancisce quindi una presunzione di legittima difesa che, a ben vedere, non prescinde dalla proporzionalità tra offesa e difesa, ma opera una predeterminazione per legge di tale proporzionalità: nel momento in cui si compie un’intrusione violenta nei luoghi di vita, la legge ritiene proporzionata qualsiasi reazione da parte dell’aggredito, sulla base del bilanciamento tra interesse all’incolumità dell’aggressore e interesse dell’aggredito a proteggersi da una minaccia alla sua incolumità.

Una seconda disposizione di rilievo rivede l’eccesso colposo di legittima difesa, escludendo la punibilità se l’aggredito ha reagito in stato di grave turbamento per il pericolo in atto, per difendere la propria o altrui incolumità nei luoghi di vita e lavoro.

Si tratta in sostanza di una norma che amplia la tutela dell’aggredito nei casi di reazione sproporzionata all’offesa in atto, garantendo la non punibilità se, come quasi sempre accade, la vittima abbia agito in stato di sconvolgimento emotivo. Non sarà tuttavia semplice accertare se l’aggredito era o non era in uno stato di “grave turbamento per il pericolo in atto”, sia per la difficoltà di indagare l’animo delle persone, sia per verificare la sussistenza di una situazione di pericolo attuale.
Vi sono poi norme a corredo, che inaspriscono alcuni reati, escludono o limitano le richieste risarcitorie del danneggiato o dei suoi eredi, offrono garanzie all’aggredito per le spese di giustizia.

In definitiva, la presunzione di legittima difesa, l’estensione dei casi di non punibilità per eccesso colposo, l’inasprimento delle pene, le norme su risarcimenti e spese di giustizia, sono novità legislative che rispondono alla medesima logica politica: aumentare la deterrenza contro intrusioni violente e incrementare le tutele dell’aggredito, anche a costo di incidere su interessi vitali ed economici dell’aggressore e dei suoi eredi.

 

Angelino Alfano, Massimo D'AlemaAngelino Alfano, Massimo D'AlemaGianpiero D'AliaPierluigi Castagnetti, Fabrizio CicchittoAngelino Alfano, Massimo D'AlemaAngelino Alfano, Massimo D'AlemaAngelino AlfanoAngelino AlfanoFabrizio Cicchitto, Gianpiero D'AliaAngelino Alfano, Massimo D'AlemaAngelino Alfano, Massimo D'AlemaAngelino Alfano, Massimo D'AlemaAngelino Alfano, Massimo D'AlemaAngelino Alfano, Massimo D'AlemaAngelino Alfano, Massimo D'AlemaRoberto MaroniRoberto MaroniAngelino Alfano, Massimo D'AlemaMassimo D'Alema, Roberto Maroni, Angelino AlfanoMassimo D'Alema, Francesco Bonini, Roberto Maroni, Angelino AlfanoPierluigi Castagnetti, Fabrizio Cicchitto, Gianpiero D'AliaFrancesco Bonini, Roberto MaroniPierluigi Castagnetti, Massimo D'AlemaPierluigi Castagnetti, Massimo D'AlemaIgnazio La Russa, Pierluigi CastagnettiIgnazio La Russa, Pierluigi CastagnettiMassimo D'Alema, Roberto MaroniIgnazio La Russa, Fabrizio CicchittoAngelino Alfano, Ignazio La RussaNando Pagnoncelli, Bruno VespaNando Pagnoncelli, Bruno VespaIgnazio La Russa, Roberto MaroniIgnazio La Russa, Roberto MaroniIgnazio La Russa, Roberto MaroniMaurizio Lupi, Fabrizio CicchittoMaurizio Lupi, Fabrizio CicchittoPaolo Gentiloni, Fabrizio CicchittoPaolo Gentiloni, Fabrizio CicchittoPaolo Gentiloni, Fabrizio CicchittoPaolo Gentiloni, Pierluigi CastagnettiPaolo Gentiloni, Pierluigi Castagnetti, Roberto MaroniIgnazio La RussaRoberto Maroni, Paolo Gentiloni, Ignazio La RussaNando Pagnoncelli, Paolo Gentiloni, Maurizio LupiPaolo Gentiloni, Maurizio LupiAngelino Alfano, Paolo GentiloniAngelino Alfano, Paolo GentiloniGianni Letta, Ignazio La RussaMaurizio Lupi, Gianni Letta, Angelino Alfano, Roberto MAroniMaurizio Lupi, Gianni Letta, Angelino Alfano, Roberto MAroniMaurizio Lupi, Gianni Letta, Angelino Alfano, Roberto MAroniPaolo Gentiloni, Angelino Alfano, MAssimo D'AlemaIgnazio La RussaIgnazio La Russa, Roberto MaroniIgnazio La Russa, Roberto MaroniMassimo D'Alema, Paolo GentiloniPaolo Gentiloni, Fabrizio CicchittoPaolo Gentiloni, Fabrizio CicchittoPaolo Gentiloni, Fabrizio CicchittoPaolo Gentiloni, Fabrizio CicchittoMassimo D'Alema, Paolo GentiloniMassimo D'Alema, Paolo GentiloniMassimo D'Alema, Paolo GentiloniMassimo D'Alema, Paolo GentiloniPaolo Gentiloni, Fabrizio CicchittoAngelino Alfano, Gianni LettaMaurizio Lupi, Angelino Alfano, Gianni LettaMaurizio Lupi, Angelino Alfano, Gianni LettaMaurizio Lupi, Angelino Alfano, Gianni LettaMaurizio Lupi, Angelino Alfano, Gianni LettaMassimo D'Alema, Paolo Gentiloni

 

 


Czytaj więcej…

Legittima difesa, il Senato approva il testo: è legge

Con 201 sì, 38 no e sei astenuti l'aula del Senato ha approvato in via definitiva la riforma della legittima difesa, provvedimento fortemente voluto dalla Lega. Il testo è identico a quello approvato dalla Camera e quindi, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale …

Źródło: La Repubblica

«Rendere più facile possedere un'arma»: dopo la legittima difesa

A poche ore dall'approvazione definitiva della nuova legge sulla legittima difesa, la Lega compie un ulteriore passo per rendere facile l'uso delle armi: Circa 70 deputati hanno sottoscritto un progetto di legge per raddoppiare la potenza dell'arma che può …

Źródło: Corriere della Sera

La legittima difesa ora è legge. ​Salvini: "Bellissimo giorno per gli …

Da oggi la legittima difesa sarà sempre presunta. Con 201 voti a favore, 38 contro e sei astenuti (video) il Senato ha, infatti, approvato la riforma che, modificando il comma due dell'articolo 52 del codice penale, allarga le maglie per poter usare "un'arma …

Źródło: il Giornale

Legittima difesa, ok definitivo: è legge. Cosa prevede

Roma, 28 marzo 2019 – C'è il via libera del Senato al testo sulla legittima difesa, che dunque diventa legge. I voti favorevoli sono stati 201, i contrari 38, gli astenuti 6. Il voto è stato accolto dagli applausi della Lega e di parte dei M5s. In Aula il ministro …

Źródło: Quotidiano.net

La riforma della legittima difesa è legge

La riforma della legittima difesa voluta dal ministro dell'Interno Matteo Salvini è stata approvata anche dal Senato con 201 voti a favore e 38 contro, ed è ora legge. Il testo della riforma era già stato approvato alla Camera ed è stato votato oggi senza nessuna …

Źródło: Il Post

Legittima difesa: approvate le nuove norme. Ecco cosa stabiliscono

Secondo i dati diffusi dal servizio studi del Senato, nella fase dibattimentale i procedimenti iscritti per “difesa legittima” sono stati cinque nel 2013, nessuno nel 2014, tre nel 2015, due nel 2016; quelli per “eccesso colposo” in legittima difesa sono stati due nel …

Źródło: Servizio Informazione Religiosa

La riforma della legittima difesa è legge: il testo passa in Senato con …

La riforma della legittima difesa è legge. Il testo è passato con 201 sì, 38 no e 6 astenuti. In Aula per l'occasione anche Matteo Salvini, che ha sostenuto con forza il disegno di legge insieme al suo partito. Tra i banchi del governo nessun esponente del …

Źródło: L’HuffPost

Legittima difesa, cosa cambia: esclusa responsabilità per danni all …

Ecco cosa prevede la nuova norma: la legittima difesa sarà sempre presunta, ossia sarà sempre ritenuto sussistente il rapporto di proporzionalità tra la difesa e l'offesa. È questo il fulcro della legge approvata che modifica il comma due dell'articolo 52 del …

Źródło: Il Messaggero

Legittima difesa, ok del Senato con 201 sì: la riforma bandiera della …

Salvini: “Un bellissimo giorno per gli italiani” – Il voto è stato accolto dagli applausi della Lega e di parte dei senatori M5s. “Un bellissimo giorno per gli italiani in cui viene sancito il sacrosanto diritto alla legittima difesa”, ha esultato il ministro dell'Interno …

Źródło: Il Fatto Quotidiano

Vi spiego come funziona la nuova legge sulla legittima difesa

La legittima difesa, già disciplinata dall'articolo 52 del Codice penale, prevede che non sia punibile chi ha commesso un fatto che sarebbe reato, per esservi stato costretto dalla necessità di difendere un diritto proprio o di altri, contro il pericolo attuale di una …

Źródło: Formiche.net

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *