L'ombra lunga dell'apologia di fascismo sul Salone del Libro

L'ombra lunga dell'apologia di fascismo sul Salone del Libro

Non si placano le polemiche per la partecipazione dell’editore “sovranista” Altaforte al Salone del Libro di Torino, anzi acuite dalle dichiarazioni sul fascismo rilasciate da Francesco Polacchi, esponente della casa editrice . Regione Piemonte e Città di Torino hanno deciso di presentare un esposto alla Procura della Repubblica, affinché i magistrati
possano valutare se sussistano i presupposti per il reato di apologia di fascismo
.
Nelle sue dichiarazioni, le due istituzioni intravvedono “una possibile violazione delle leggi dello Stato” e considerano
la sua attività “estranea allo spirito del Salone del libro”. “Anche la forma più radicale dell’intolleranza va contrastata
con le armi della democrazia e dello stato di diritto”, sostengono Città di Torino e Regione Piemonte, che nell’esposto contro
Altaforte invitano i magistrati anche a valutare se sussista la violazione “di quanto disposto dalla legge Mancino 305 del
1993”. L’articolo 4 di questa legge, in particolare, prevede che venga punito chi “(…) pubblicamente esalta esponenti, principi,
fatti o metodi del fascismo, oppure le sue finalità antidemocratiche”.

Io sono fascista. L’antifascismo è il vero male di questo Paese”, ha sostenuto Francesco Polacchi, che di Altaforte è l’editore. “Eravamo pronti alle polemiche – aggiunge – ma non a questo livello allucinante di cattiverie. C’è addirittura chi sui social
ha scritto che verrà a Torino per tirarci le molotov… Noi ci saremo perché ora è anche una questione di principio”.

Dura la presa di posizione della sindaca Chiara Appendino, che definisce la cultura unico “argine a ogni possibile degenerazione”.
E invita a partecipare numerosi alla 32/a edizione della manifestazione. Perché solo così, sostiene la prima cittadina, “si vince”.

“Ora basta. Quelle parole sulla dittatura non le ho mai dette per come sono state riportate dalla Stampa e sono state travisate.
La questione è che pur di
censurare Matteo Salvini, coinvolto suo malgrado in questa bagarre per la scelta di Chiara Giannini di pubblicare con noi il suo libro intervista,
ogni giorno mi vengono messe in bocca parole che non ho mai pronunciato e si tira in ballo la casa editrice in vicende con
cui nulla ha a che fare”.

Il Salone del Libro di Torino è un luogo di scambio, di confronto, di condivisione, di festa. Coinvolge centinaia di migliaia di persone. È un esempio
virtuoso per tutto il paese. Questa esperienza deve unirci, non dividerci
” affermano gli organizzatori della buchmesse torinese, “una grande manifestazione popolare – dicono dopo le polemiche per
la presenza di Altoforte – un luogo che è diventato uno dei simboli della democrazia e della civile
convivenza”. “Questa esperienza deve unirci, non dividerci. Deve farlo in nome di un bene superiore, e deve invitarci a tirare
fuori – nei toni, nelle prese di posizione – la nostra parte migliore – aggiungono gli organizzatori della
manifestazione -. Rispettiamo chi per evidenziare i problemi di cui sopra si è allontanato temporaneamente da quella che com’è
ovvio è casa sua, e abbracciamo chi ha deciso, com’è più che mai ora necessario, di abitare con convinzione adesso quella
stessa casa per farla durare, e darle spazio e vita”.

“Le polemiche che si sono accese per la presenza di una casa editrice i cui animatori, in nome del fascismo, hanno rilasciato
dichiarazioni che si commentano da sole, pongono un tema – si legge ancora -. Lo abbiamo già detto, lo ripetiamo. Pongono
questo tema al mondo dell’editoria, della cultura, della
politica. È un tema che al Salone verrà affrontato in tanti incontri programmati da tempo. Il problema ovviamente non è la
libertà d’espressione ma cosa si può muovere intorno a certe idee che non sono solo agli antipodi dell’impostazione culturale
del Salone di quest’anno (non è mai stato un problema: il Salone
accoglie tutte le opinioni) ma la cui messa in pratica turberebbe l’ordine democratico offendendo la Costituzione. Se il Salone
è diventato l’occasione per affrontare questo tema, rilanciandolo oltre che al mondo della cultura a quello della politica,
allora la cultura sarà davvero servita a qualcosa”

© Riproduzione riservata


Czytaj więcej…

Salone del libro, M5s di Torino: "Escludere AltaForte e Polacchi"

Il Salone del libro di Torino "dev'essere lo spazio dove celebreremo la tolleranza e la resistenza alle derive neofasciste e autoritarie", ma può esserlo "a una sola condizione: l'esclusione di AltaForte e di Polacchi". A chiederlo, su Facebook, è la capogruppo …

Źródło: TGCOM

Torino. Salone del Libro, un'apertura tra le polemiche

Fra le novità editoriali che Altaforte presenterà a Torino c'è il libro-intervista Io sono Matteo Salvini. Entrando nella polemica con un lungo post il direttore del Salone Nicola Lagioia aveva fatto notare come lo stand di Altaforte occupa 10 metri quadri su 60 mila …

Źródło: Avvenire.it

Salone del Libro: al ministro che pubblica coi fascisti si può …

Nell'imminenza dell'apertura del Salone Internazionale del Libro (9 maggio), il direttore Nicola Lagioia e il Comitato di indirizzo non potevano che accettare di ospitare la casa editrice Altaforte regolarmente iscritta alla manifestazione, e senza che finora …

Źródło: Il Fatto Quotidiano

Salone del Libro, Grimaldi (Luv): “Se fossi gli organizzatori …

Marco Grimaldi oltre all'esposto è convinto che si possano fare ulteriori passi per evitare la presenza di Altaforte, che è editore del libro di Matteo Salvini. alla manifestazione: «se fossi fra gli organizzatori del Salone, preferirei rescindere il contratto di affitto …

Źródło: Nuova Società

Salone del libro di Torino: orari, biglietti, come arrivare

Anche quest'anno il Salone Internazionale del libro occuperà i padiglioni 1, 2, 3, e Oval del Lingotto Fiere. L'area espositiva è di 63.000 metri quadrati, formata da 40 sale per incontri, aree di sosta, stand espositivi, ma anche panchine e spazi liberi.

Źródło: Sky Tg24

Salone del Libro, i big della letteratura tornano a Torino

Sarà un Salone più grande grazie ai 13.000 mq dell'Oval, con una sala da 700 posti che si chiamerà Sala Oro, il Caffè letterario e la sala della lingua ospite. Organizzato da Silvio Viale, presidente dell'associazione dei creditori 'Torino, la città del libro', che …

Źródło: Agenzia ANSA

Polacchi (Altaforte), nella stessa giornata al Salone del Libro e in …

Un giorno importante, venerdì, per Francesco Polacchi, editore di Altaforte. Perché proprio quella mattina è atteso contemporaneamente a Torino, al Salone del Libro, teatro di polemiche furibonde, e a Milano, dove è stato convocato dai magistrati per …

Źródło: Corriere della Sera

Salone libro Torino, esposto di Regione e Comune contro Polacchi …

Partirà una denuncia contro Francesco Polacchi, il militante di Casapound che presiede la casa editrice “Altaforte”, la cui presenza al Salone internazionale del libro ha scatenato nelle ultime ore numerose polemiche. La Regione Piemonte e la Città di Torino …

Źródło: Il Fatto Quotidiano

L'ombra lunga dell'apologia di fascismo sul Salone del Libro

Non si placano le polemiche per la partecipazione dell'editore “sovranista” Altaforte al Salone del Libro di Torino, anzi acuite dalle dichiarazioni sul fascismo rilasciate da Francesco Polacchi, esponente della casa editrice . Regione Piemonte e Città di Torino …

Źródło: Il Sole 24 ORE

Salone del Libro Torino: Roberto Saviano parteciperà nonostante …

Anche Roberto Saviano è intervenuto nella polemica sorta a poche ore dall'inizio del Salone del libro di Torino. Su Facebook lo scrittore napoletano ha annunciato che parteciperà ugualmente alla fiera letteraria, tenendo fede agli impegni presi e mettendo il …

Źródło: Fanpage

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *