MotoGP | Gp Argentina Gara: Crutchlow, “Il ride through? Decisione …

MotoGP | Gp Argentina Gara: Crutchlow, “Il ride through? Decisione ...

TERMAS DE RIO HONDO (Argentina) – Ah, se oggi non ci fosse stato il Cannibale. Marquez vince in Argentina con una prepotenza imbarazzante: se ne va al via e ciao, il gp dopo una curva è già finito. Alle sue spalle però è uno spettacolo tutto italiano: Dovizioso, Valentino, Morbidelli e Petrucci si battono nell'Altra Gara – quella per il 2° posto – sorpassandosi di millimetri per buona parte della corsa. Finisce col campione del mondo in carica che – imprendibile, sfrontato – si alza in piedi sul traguardo e chiude con quasi 10 secondi di vantaggio su Rossi, strepitoso per talento e caparbietà: 40 anni e passa di felicità, celebrati con un'impennata. Dovizioso si arrende al Doc e sale sul 3° gradino del podio: è comunque un risultato importante per il forlivese, che con la Rossa su questa pista aveva sempre sofferto. Il Dovi perde così il primato in classifica e ora insegue a 4 punticini un Marquez che fa paura. Peccato per Morbidelli, che nel finale finisce a gambe all'aria con Vinales complice un attacco azzardato. Petrucci deve cedere a Miller e Rins, accontentandosi del 6° posto.

LA DIRETTA DELLA GARA

 Valentino: "Come quando ero più giovane"

 Marquez, il Cannibale col sorriso Durbans: "Oggi è stata una giornata perfetta. Sapevo che il mio punto forte erano i primi 5 giri, h dato tutto e poi ho tenuto il mio passo senza nemmeno spingere troppo. E' stata una sensazione dolcissima".  Bentornato, Valentino: "Sono molto felice: per me, la mia squadra e la Yamaha. Era tanto che non salivo sul podio, ho bisogno di questi risultati. Ho girato come quando ero più giovane, che divertimento. Alla fine ero più veloce del Dovi, l'ho passato e questa volta lui non è riuscito ad incrociare". Dovizioso, sorriso agrodolce: "Felice per il podio, era quello che volevo: sono punti importanti ma non sono felice per come sono andate le gomme. Cercavo di gestirle ma Valentino è riuscito a passarmi e non sono stato capace di stargli dietro".

Marquez, che prepotente

 Marquez ha vinto già alla prima curva in fondo al rettilineo dopo il via: si è lasciato dietro tutti, evitando di restare intrappolato in qualche pericoloso corpo a corpo, e ha subito fatto quel che ha voluto. Un secondo e 49 millesimi di vantaggio al primo giro, quasi 2 secondi e mezzo al secondo. Tre minuti di gara, e il gp era già finito. E' allora cominciata un'altra corsa, quello per il 2° posto: Valentino ci ha provato con una gran partenza, Miller subito lo ha tenuto dietro però poi ha dovuto cedere ad uno scatenato Doc che ha cominciato a lottare con Dovizioso. Il motore Desmodronico sul rettilineo finale ha fatto la differenza, ma la Yamaha quest'anno sembra proprio funzionare: lo ha confermato uno spettacolare Morbidelli, che ha più volte cercato di mettersi di mezzo. Complice un ride through comminato a Crutchlow, scattato in anticipo al via, la sfida è diventata un affare tutto italiano. A 15 giri dall'arrivo, con 7 secondi di ritardo (!) dal Cannibale, Rossi guidava un gruppetto niente male: dietro di lui, Dovizioso, Morbidelli e Petrucci, risalito con piglio dalla retrovie.

 La sfida italiana

Dimentichiamoci di Marquez, a metà gara stava già stappando lo spumante. Alle sue spalle, gli italiani. E poi Miller con la terza Gp19 in versione Pramac, Vinales che come al solito è partito in maniera disastrosa e non è più riuscito a riprendere in mano la gara, Rins con una Suzuki che qui in Argentina non ha certo impressionato come in Qatar (e Rabat, caduto). Lorenzo, ancora sofferente per i postumi della caduta a Losail, si è accontentato di restare nelle retrovie dopo un inizio disastroso. Per Iannone è continuato il calvario di ieri. Dovi ha ripassato Valentino, e la coppia ha preso un po' di vantaggio su Petrucci-Morbidelli, mentre il gap da Marquez saliva a più di 10 secondi.

 Morbidelli, che peccato

 Una storia è la sfida tra Dovi e Vale. Un'altra quella tra Morbido e Petrux, perché negli ultimi giri si fanno sotto Rins e Miller. I due "vecchietti a 3 giri dal termine sono separati da un decimo ma hanno più di un secondo su Petrucci, che cerca di tenere a bada il pilota della Suzuki poi l'australiano, mentre Morbidelli comincia a perdere contatto e cede il passo anche a Vinales. Poi tenta un sorpasso azzardato, i due finiscono sull'asfalto. Che peccato. Davanti, Marquez punta i piedi sulla pedana e alza le braccia, solitario e imbattibile. Valentino all'ultimo giro passa Dovizioso, Miller regala un'altra gioia alla Ducati Pramac, Petrucci finisce un po' col muso lungo. Adesso è una storia a 3: Marquez e la coppia italiana. La rivincita tra 2 settimane, in Texas.

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


Czytaj więcej…

MotoGP, GP Argentina: gli highlights della gara

Un GP d'Argentina ricco di emozioni, in pista e fuori. Il secondo appuntamento del Mondiale è stato dominato da Marc Marquez, che ha fatto il vuoto, prendendosi di forza la vittoria del GP e la testa del Mondiale. Il 93 della Honda ha dettato legge dal primo …

Źródło: Sky Sport

MotoGP, pagelle GP Argentina: Marc in stato di grazia, smalto Rossi

MARC MARQUEZ – VOTO 10 E LODE In Argentina corre come se fosse l'unico iscritto al mondiale vero. Asfalta la concorrenza con una disinvoltura impressionante e passa in testa al mondiale. Spostarlo da lì sarà una missione assai complicata visto lo stato …

Źródło: Sport Mediaset

MotoGp Argentina, vince Marquez: Rossi davanti a Dovi. La classifica

Termas de Rio Hondo, 31 marzo 2019 – Gara senza storia al gran premio di MotoGp di Argentina che incorona Marc Marquez, al suo primo successo stagionale. Dovizioso e Rossi sul podio. La vittoria del campione del mondo, protagonista di una cavalcata …

Źródło: Quotidiano.net

MotoGP Argentina: una Yamaha sorride, l'altra ancora no

Il sorriso stampato sul volto faceva quasi pensare a una vittoria. E in effetti un po' lo è stata se si esclude la gara da marziano fatta da Marquez. Valentino Rossi in Argentina porta a casa un prezioso secondo posto, un podio che mancava da dieci gare. «Sono …

Źródło: Corriere dello Sport.it

MotoGP Argentina Marquez balla il tango; Rossi gran 2°, Dovizioso 3°

Solo la targa. A Termas de Rio Hondo Marquez fa vedere solo quella agli avversari, trionfando in modo perentorio davanti a Rossi e Dovizioso, a lungo autori di un gran duello, risolto solo a poche curve dalla fine a favore del pesarese. Diversamente …

Źródło: La Gazzetta dello Sport

MotoGP | Gp Argentina Gara: Crutchlow, “Il ride through? Decisione …

MotoGP Gp Argentina LCR Honda – Settima e tredicesima posizione per Taakaki Nakagami e Cal Crutchlow nell'ultimo Gran Premio d'Argentina, secondo appuntamento di questo mondiale MotoGP 2019. Il giapponese del team LCR ha chiuso una gara …

Źródło: MotoGrandPrix.it

MotoGp Argentina: Marquez vince in solitaria ma Valentino Rossi e …

TERMAS DE RIO HONDO (Argentina) – Ah, se oggi non ci fosse stato il Cannibale. Marquez vince in Argentina con una prepotenza imbarazzante: se ne va al via e ciao, il gp dopo una curva è già finito. Alle sue spalle però è uno spettacolo tutto italiano: …

Źródło: La Repubblica

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *