Papa Francesco in Marocco: l'incontro nella cattedrale di Rabat

Papa Francesco in Marocco: l'incontro nella cattedrale di Rabat

Papa Francesco è arrivato alla cattedrale cattolica di Rabat, nel centro della città, nella Piazza di Golan, dove incontra il clero, i religiosi, le religiose e il Consiglio ecumenico della Chiese. E’ stato accolto all’ingresso della cattedrale dal parroco e da tre sacerdoti incaricati per la pastorale, i quali gli porgono il crocifisso e l’acqua benedetta per l’aspersione, e percorre la navata centrale, mentre la corale intona un canto.

I cristiani dialoghino sempre, contro odio e divisioni “Il cristiano, in queste terre, impara ad essere sacramento vivo del dialogo che Dio vuole intavolare con ciascun uomo e donna, in qualunque condizione viva”. Lo ha detto papa Francesco incontrando il clero. “Come non evocare – ha ricordato – la figura di San Francesco d’Assisi che, in piena crociata, andò ad incontrare il Sultano al-Malik al-Kamil? E come non menzionare il beato Charles de Foucauld che, profondamente segnato dalla vita umile e nascosta di Gesù a Nazaret, che adorava in silenzio, ha voluto essere un ‘fratello universale’? O ancora quei fratelli e sorelle cristiani che hanno scelto di essere solidali con un popolo fino al dono della propria vita?”. “È un dialogo che – ha proseguito citando il documento di Abu Dhabi -, diventa preghiera e che possiamo realizzare concretamente tutti i giorni in nome ‘della ‘fratellanza umana’ che abbraccia tutti gli uomini, li unisce e li rende uguali. In nome di questa fratellanza lacerata dalle politiche di integralismo e divisione e dai sistemi di guadagno smodato e dalle tendenze ideologiche odiose, che manipolano le azioni e i destini degli uomini”. 

 “La nostra missione di battezzati, di sacerdoti, di consacrati, non è determinata particolarmente dal numero o dalla quantità di spazi che si occupano, ma dalla capacità che si ha di generare e suscitare cambiamento, stupore e compassione; dal modo in cui viviamo come discepoli di Gesù, in mezzo a coloro dei quali noi condividiamo il quotidiano, le gioie, i dolori, le sofferenze e le speranze”. Ha detto il Papa incontrando il clero a Rabat. “Le vie della missione non passano attraverso il proselitismo”, che “porta sempre a un vicolo cieco, ma attraverso il nostro modo di essere con Gesù e con gli altri”. “Il problema – ha aggiunto – non è essere poco numerosi, ma essere insignificanti, diventare un sale che non ha più il sapore del Vangelo, o una luce che non illumina più niente”. “La preoccupazione sorge quando noi cristiani siamo assillati dal pensiero di poter essere significativi solo se siamo la massa e se occupiamo tutti gli spazi”, ha spiegato Francesco, ma “la vita si gioca con la capacità che abbiamo di ‘lievitare’ lì dove ci troviamo e con chi ci troviamo. Anche se questo può non portare apparentemente benefici tangibili o immediati”. 


Czytaj więcej…

Marocco, il Papa a Rabat: "Siamo cristiani perché siamo stati amati …

Dopo lo storico appello firmato ieri assieme al Re del Marocco Muhammad VI per una Gerusalemme “patrimonio comune dell'umanità” e, per i fedeli delle tre religioni monoteiste, “luogo di incontro e simbolo di coesistenza pacifica”, Francesco nel suo …

Źródło: La Repubblica

Papa Francesco in Marocco: l'incontro nella cattedrale di Rabat

"E' bello vedere Sua Santità PapaFrancesco andare in Marocco, essere salutato in maniera moltocalorosa da un popolo molto ospitale come quello marocchino". Ilpresidente dell'Ucoii, il marocchino Yassine Lafram, commentacosì la visita in corso di …

Źródło: Rai News

Papa Francesco in Marocco: no al proselitismo, cristiani non siano …

"Le vie della missione non passano attraverso il proselitismo": è l'avvertimento lanciato da Papa Francesco incontrando il clero in Marocco nella cattedrale di Rabat. "Il problema non è essere poco numerosi, ma essere insignificanti, diventare un sale che non …

Źródło: AGI – Agenzia Giornalistica Italia

Papa: Marocco; l'incontro con il clero alla cattedrale di Rabat

Papa Francesco è arrivato alla cattedrale cattolica di Rabat, nel centro della città, nella Piazza di Golan, dove incontra il clero, i religiosi, le religiose e il Consiglio ecumenico della Chiese. E' stato accolto all'ingresso della cattedrale dal parroco e da tre …

Źródło: Agenzia ANSA

Marocco, l'antica casa dei Francescani

Storia meno celebre, ma datata sempre 1219, è quella dei martiri francescani del Marocco. Al califfo di quel territorio non piacciono quei cinque uomini in tonaca grezza che parlano di Cristo alla gente, incuranti delle minacce e delle maniere forti. L'epilogo …

Źródło: San Francesco Patrono d’Italia

Profughi, il Papa in Marocco: “Basta espulsioni di massa”

Nel primo giorno della visita in Marocco papa Francesco pronuncia il suo monito – mai lanciato prima di ieri in questi termini – davanti a una sessantina di immigrati, ospitati dalla Caritas di Rabat. E firma con il re Mohammed VI un appello per «preservare la …

Źródło: La Stampa

Papa in Marocco: incontro clero, proselitismo porta a “vicolo cieco …

E' il saluto del Papa al clero, ai religiosi e al Consiglio ecumenico delle Chiese, ai quali dalla cattedrale di Rabat ha rivolto il suo terzo discorso in Marocco. “A che cosa è simile un cristiano in queste terre?”, si è chiesto Francesco: “È simile a un po' di lievito …

Źródło: Servizio Informazione Religiosa

Papa Francesco dal Marocco grida all'Europa: «Basta respingimenti»

Rabat (Marocco) – «Mi chiamo Abena Banyomo Jacson, sono nato in un piccolo villaggio del Camerun. Nel 2013, disperato per le condizioni di vita della mia famiglia, ho deciso di lasciare il mio paese diretta in Europa, per trovare una migliore situazione che …

Źródło: Il Messaggero

Il papa in Marocco tra Gerusalemme e migranti

Nell'incontro con il re del Marocco, Mohammed VI, papa Francesco ha sottoscritto un appello su Gerusalemme, in cui si riconoscono riconoscendo l'unicità e la sacralità di Gerusalemme, avendo a cuore il suo significato spirituale e la sua peculiare vocazione …

Źródło: korazym.org

Papa in Marocco: il proselitismo porta sempre a un vicolo cieco

Roma, 31 mar. (askanews) – Per i cristiani del Marocco “il problema non è essere poco numerosi, ma essere insignificanti, diventare un sale che non ha più il sapore del Vangelo, o una luce che non illumina più niente”. Lo ha detto il Papa nel discorso ai …

Źródło: askanews

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *