Pionieri: l'Università di Torino racconta la ricerca nel segno di …

Pionieri: l'Università di Torino racconta la ricerca nel segno di ...

Torino – Chi è passato da Hyde Park, Londra, probabilmente lo conosce: è lo speakers’ corner, uno spazio pubblico adibito a dibattiti e discorsi pubblici, frequentato da oratori anche molto noti, tra cui Marx e Orwell nel passato, ma tutt’oggi luogo di scambio di idee per alcuni candidati politici. Chiunque allo speakers’ corner può presentarsi e parlare di ogni argomento, ed è proprio con questa idea, e con questo spirito, che hanno preso vita il 7 maggio nell’ambito della mostra dei Musei Reali di Torino Leonardo da Vinci. Disegnare il futuro, gli incontri di Pionieri. Esploratori dell’ignoto da Leonardo ai giorni nostri.

Si tratta di un progetto interdisciplinare promosso dall’Università degli Studi di Torino in collaborazione con Thales Alenia Space, una rassegna che si svolgerà alla Galleria Sabauda, nei locali della mostra, tutti i martedì e i giovedì dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18 fino al 18 giugno. Sarà uno spazio inedito di condivisione con il pubblico all’interno della mostra, fatto di momenti di dialogo tra l’eredità artistica e scientifica di Leonardo, i ricercatori dell’Università di Torino e di Thales Alenia Space e i visitatori della mostra.

L’idea è quella di accompagnare la grande esposizione dell’Autoritratto e del Codice del Volo, custodite alla Biblioteca Reale e oggi parte del percorso della mostra, celebrando all’insegna del dialogo e dell’interdisciplinarietà i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci, il Maestro rinascimentale, colui che più di tutti intrecciò arti e saperi, mosso da una insaziabile curiosità per il mondo che lo circondava. Ritratti, trattati sul volo, anatomia, scrittura speculare: tutto questo e un infinito numero di altri studi e approfondimenti è Leonardo Da Vinci, simbolo per antonomasia di conoscenza. Non potevano dunque che ispirarsi a lui e al suo motore di studio e ricerca gli incontri del progetto, che si svolgeranno all’interno della mostra

Saranno oltre 60 gli “speakers’ corners”, in forma di brevi incursioni dei ricercatori dell’Università di Torino e di Thales Alenia Space, che di volta in volta affronteranno temi e argomenti diversi prendendo le mosse dai disegni esposti e partendo dalle suggestioni delle opere. Da qui si partirà per un piccolo viaggio ogni volta diverso su temi che troveranno approfondimento nel lavoro di ricerca , tra punti di arrivo e sfide future nei più svariati ambiti disciplinari.

Il progetto Pionieri. Esploratori dell’ignoto da Leonardo ai giorni nostr fa parte del  public programme dell’Università di Torino ed è espressione del grande lavoro dell’ateneo sulla cosiddetta terza missione, quella che, dopo formazione e ricerca, guarda alla valorizzazione della conoscenza nell’ottica di uno sviluppo sociale, culturale ed economico della società a 360 gradi. L’università, dunque, scende in campo, anzi in mostra, raccontandosi e sollecitando la curiosità del pubblico sui tanti temi che popolano la ricerca in ogni ambito disciplinare. Ogni volta, un tuffo nell’ignoto, una scoperta, un nuovo interrogativo da svelare: non è forse ciò che stimolava anche Leonardo? L’esplorazione dell’ignoto, guidata dall’ingegno, la fantasia, le aspirazioni e l’ardore leonardeschi, rivivono nei “pionieri” della ricerca universitaria e industriale di oggi: dalle neuroscienze all’astrofisica, dalla linguistica alle scienze della Terra, dalla fisica dei materiali all’antropologia culturale.

Speakers’ corner sull’agricoltura e l’ingegneria lasceranno il posto a riflessioni sull’identità di genere, gli animali come metafora, ma anche l’ambiente alpino, e le osservazioni al microscopio degli acari. Tra i diversi appuntamenti in programma il 9 maggio (0re 10-12) Vite estreme: la sfida del benessere psicologico nello spazio in cui Raffaella Ricci del Dipartimento di Psicologia analizzerà come il volo umano studiato da Leonardo nel Codice sul volo degli uccelli ha raggiunto oggi traguardi all’epoca inimmaginabili. Le missioni future intendono perfino portare l’essere umano su Marte, in un ambiente isolato, confinato ed estremo in cui sarà determinante garantire il benessere psicologico e cognitivo dei pionieri sul pianeta rosso.  

Il 14 maggio (ore 16-18) sarà la volta di Femminile ma non è femmina in cui Silvia De Francia del Dipartimento di Scienze Cliniche e Biologiche partendo dall’opera Testa di Fanciulla tratterà del problema della questione di genere in medicina, in particolare sulle differenze in ambito medico e clinico-terapeutico e di risposta ai farmaci fra uomo e donna. Andrea Gallice del Dipartimento di Scienze economico-sociali e matematico-statistiche prendendo spunto dall’opera Studi di carri d’assalto il 28 maggio (ore 16-18) si occuperà dell’analisi delle interazioni strategiche (non solo conflittuali ma anche di natura cooperativa) attraverso le lenti della teoria dei giochi. Dai conflitti sovranazionali alla sostenibilità di accordi internazionali fino anche alle attività di fundraising.

Ci saranno la matematica, la fisica, ma anche la linguistica e la letteratura, in un insieme ibrido che ben rappresenta l’idea di scienza e cultura rinascimentale, e in particolare leonardesca, e che si mostra altrettanto adeguato nel racconto dell’ideale di conoscenza che incarna l’università stessa. Il programma completo degli speakers’ corners è disponibile online sul sito dell’Università di Torino.

Fino al 22 giugno inoltre la Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino, presso il ridotto dell’Auditorium Vivaldi, ospiterà Leonardo e i suoi saperi. Viaggio tra i fondi bibliografici della Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino, della Fondazione Luigi Firpo, dell’Università degli Studi di Torino, un percorso espositivo tra fondi librari legati al maestro di Vinci come lettore, autore e soggetto tematico nelle più diverse declinazioni scientifiche e umanistiche. Pionieri proseguirà dal 7 maggio al 18 giugno, tutti i martedì e giovedì dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18. Il martedì e il giovedì gli studenti universitari muniti di tesserino hanno diritto all’ingresso ridotto speciale (8 euro). Info online.

Approfondisci con: Maggiori informazioni sull’evento e biglietti per Pionieri. Esploratori dell’ignoto da Leonardo ai giorni nostri , Disegnare il Futuro: Leonardo Da Vinci in mostra a Torino. Info e orari

Potrebbe interessarti anche: Art nouveau, la mostra alla Reggia di Venaria, fino al 26 gennaio 2020 , La bottega di Leonardo: Leonardo Da Vinci, tesori nascosti. La mostra, fino al 12 maggio 2019 , Leonardo Da Vinci: disegnare il futuro, fino al 14 luglio 2019 , Giorgio De Chirico: ritorno al futuro, la mostra alla Gam di Torino, fino al 25 agosto 2019


Czytaj więcej…

Pionieri: l'Università di Torino racconta la ricerca nel segno di …

Chiunque allo speakers' corner può presentarsi e parlare di ogni argomento, ed è proprio con questa idea, e con questo spirito, che hanno preso vita il 7 maggio nell'ambito della mostra dei Musei Reali di Torino Leonardo da Vinci. Disegnare il futuro, gli …

Źródło: mentelocale.it

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *