Superga, 70 anni fa la tragedia in cui scomparve il Grande Torino …

Superga, 70 anni fa la tragedia in cui scomparve il Grande Torino ...

Questa volta il mio intervento è un invito, per i miei 25 lettori e per tutti i loro amici. Non perdetevi la prima serata che la rete Focus ha organizzato per sabato 4 maggio e, in particolare, il documentario L’ultimo viaggio del Conte Rosso, che andrà in onda a partire dalle 22. Il 4 maggio ricorre, come è noto, il 70esimo anniversario della tragedia di Superga, l’incidente aereo in cui morirono tutti i calciatori del Grande Torino e gli accompagnatori che avevano partecipato con loro al viaggio in Portogallo. Si tratta di una degli avvenimenti più profondamente impressi nella memoria e nei sentimenti degli italiani. Ma, proprio per questo, la sua ennesima rievocazione risulta particolarmente difficile, costantemente a rischio di cadere nella ripetizione e nella retorica.

Per evitarlo bisogna trovare un punto di vista nuovo, originale. Ci era in parte riuscito qualche anno fa Federico Buffa, che non sempre mi convince nelle sue narrazioni, ma che di fronte a quel macigno che è Superga aveva trovato la giusta ispirazione. Ancor prima ci era riuscita la banda di Tacalabala, lo spettacolo teatrale sui miti del calcio che aveva affidato a Giuseppe Cederna l’interpretazione della tragedia vista con gli occhi e le parole di Chico Ferreira, il grande calciatore portoghese a cui il Torino era andato a rendere omaggio a Lisbona per l’ultima partita della sua carriera. Insomma colui che poteva sentirsi in qualche misura responsabile di tutto ciò che era accaduto. Ma ancor più originale è il punto di vista scelto da Fabiana Antonioli nel suo documentario.

Chiunque di noi abbia vissuto un pezzo del secolo scorso ha recitato almeno una volta “BacigalupoBallarinMaroso” come fosse una poesia. Anche perché, come osserva Giovanni Orelli in un suo bellissimo romanzo calcistico, in effetti quell’incipit della formazione del Grande Torino è una poesia, un perfetto endecasillabo. Bacigalupo, Ballarin, Maroso, dunque, e Castigliano e Valentino Mazzola sono rimasti sempre tra noi. Ma Antonio Giammarinaro, Lando Macchi, Umberto Motto e Guido Vandone chi sono? Sono i quattro ancora in vita e ora un po’ in là con gli anni della squadra dei ragazzi, quella che dovette giocare le ultime quattro partite del campionato 1948/49 che il Torino aveva già matematicamente vinto la domenica prima di partire per Lisbona. Le quattro partite ancora in calendario le giocò – e le vinse – la squadra giovanile, i ragazzi come Giammarinaro, Macchi, Motto e Vandone.

A loro, ai loro ricordi interrotti da un’improvvisa commozione, ai piccoli aneddoti di vita quotidiana calcistica il documentario affida la rievocazione di quella grande epopea che fu il Grande Torino, del mondo magico del Filadelfia, di quella terribile giornata e di quell’esperienza tragica ma straordinaria che i ragazzi furono chiamati a vivere. Contribuiscono al felice esito del lavoro di Antonioli le sequenze dei cinegiornali d’epoca con il loro retoricissimo e commovente commento sonoro, le puntuali pagine dei giornali, l’imprescindibile analisi di Giampaolo Ormezzano in splendida forma e le immagini del Conte Rosso, il pullman che portava allo stadio i calciatori del Grande Torino.

Una piccola nota di chiusura divertente, dopo tanto pathos. Voci di corridoio mi dicono che l’artefice della serata, il direttore di Focus Marco Costa, sia un “gobbo”, uno juventino insomma. Come si dice nessuno è perfetto, ma questa serata televisiva promette di andarci molto vicino.


Czytaj więcej…

Superga, 4 maggio 1949: storia dell'ultimo volo del Grande Torino

La storia e la vita dei giocatori del Grande Torino si infrangevano alle ore 17:05 del 4 maggio 1949 contro un terrapieno del lato orientale della Basilica di Superga, sulla cima della collina che sovrasta Torino. L'aereo che li stava riportando a casa dopo la …

Źródło: Panorama

Superga, 70 anni fa la tragedia in cui scomparve il Grande Torino …

Questa la rosa a bordo dell'aereo schiantatosi a Superga: Valerio Bacigalupo, Aldo e Dino Ballarin, Emile Bongiorni, Eusebio Castigliano, Rubens Fadini, Guglielmo Gabetto, Ruggero Grava, Giuseppe Grezar, Ezio Loik, Virgilio Maroso, Danilo Martelli, …

Źródło: Sky Tg24

Grande Torino, cerimonia a Superga: nuova targa dalla Fiorentina

L'amore per il Grande Torino non conosce confini e supera ogni rivalità. Questa mattina, sul colle di Superga, proprio sotto la Lapide che ricorda la tragedia del 4 maggio 1949 di cui domani ricorrono i Settant'anni, si mischiavano i colori di Fiorentina, Benfica, …

Źródło: La Gazzetta dello Sport

Grande Torino, raccontare Superga in modo originale non era facile …

Questa volta il mio intervento è un invito, per i miei 25 lettori e per tutti i loro amici. Non perdetevi la prima serata che la rete Focus ha organizzato per sabato 4 maggio e, in particolare, il documentario L'ultimo viaggio del Conte Rosso, che andrà in onda a …

Źródło: Il Fatto Quotidiano

Juventus-Torino, lo striscione della Curva Sud: “Onore ai caduti di …

Al 66′ di Juventus-Torino, con il risultato momentaneamente fermo sull'0-1 a favore dei granata, nel primo anello della Curva Sud bianconera, quella che ospita il tifo più caldo, è apparso uno striscione in memoria dei caduti di Superga di cui domani …

Źródło: Toro News

70 anni fa la tragedia di Superga, persero la vita i campioni del …

​I primi a rendersi conto della tragedia furono gli abitanti della collina di Superga, che, dopo aver assistito allo schianto contro il terrapieno sul quale sorge la basilica, furono guidati dalla colonna di fumo nero davanti a uno spettacolo agghiacciante: un varco …

Źródło: Rai News

Superga 70 anni dopo: viaggio della memoria sulle tracce degli …

Neanche la pioggia ferma il pellegrinaggio al colle di Superga dove si schiantò 70 anni fa l'aereo con i giocatori del Torino. Una tappa d'obbligo per migliaia di fans granata – domani, giorno 4 maggio dell'anniversario salirà anche la squadra con il presidente …

Źródło: La Repubblica

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *